Logo Verdi e Democratici per l'Ulivo Roberto Bombarda

ATTIVITA'
- -
Mozioni
Interrogazioni
Ordini del Giorno
Disegni di Legge
INTERVENTI
- -
In aula
In pubblico
Sulla stampa
STAMPA
- -
Pubblicazioni
Rassegna stampa
CHI SONO
-- -
Carta d'identità 
Conosciamoci meglio
Un voto utile per te e l'ambiente
COMMUNITY
- -
Mi puoi trovare anche su facebook
-
© Roberto Bombarda
Consigliere Regionale Trentino Alto Adige/Südtirol

E-mail


sabato, 15 giugno 2019
News e comunicati stampa


Trento, 10 febbraio 2006

ADESIONE AL CONTRATTO MONDIALE SULL'ACQUA
L’impegno dei Verdi per promuoverne la conoscenza a livello locale e per istituire un fondo di solidarietà


Ancora oggi vi sono al mondo più di un miliardo e quattrocento milioni di persone che non hanno accesso all’acqua potabile e 2,4 miliardi che non hanno accesso ad installazioni sanitarie adeguate, con la conseguenza che 30 mila esseri umani muoiono ogni giorno per malattie dovute all’assenza o cattiva qualità dell’acqua e dell’igiene.
Negli ultimi anni si sono succeduti importanti eventi e sono stati promossi diversi documenti, dall’Anno internazionale dell’acqua al Manifesto per l’acqua, fino al Contratto mondiale sull’acqua. Con queste iniziative la comunità internazionale ha preso atto del problema e sta avviando una serie di interventi, quali ad esempio la costituzione di fondi di solidarietà alimentati con il cosiddetto “centesimo per l’acqua”, vale a dire il prelievo di un centesimo di euro per ogni metro cubo di acqua potabile rilasciata dal gestore di una rete idrica.
Per promuovere la conoscenza del Manifesto e del Contratto mondiale, i Verdi hanno presentato il Consiglio provinciale una proposta di mozione, attraverso la quale vogliono impegnare la Giunta provinciale su tre punti:
1. ad aderire ai principi del Manifesto italiano del Contratto mondiale sull’acqua, impegnandosi per la propria parte ad adeguare progressivamente le leggi e le disposizioni regolamentari al fine di integrare nel proprio ordinamento gli obiettivi presentati nel Manifesto;
2. a promuovere tra i Comuni e tra i Comprensori (e le future Comunità di valle) del Trentino, anche per mezzo di un apposito accordo con il Consiglio delle Autonomie e con il Consorzio dei Comuni del Trentino, i principi del Manifesto, ciò anche al fine di attivarne i contenuti anche a livello comunale e comprensoriale (o di comunità di valle);
3. ad avviare entro 90 giorni dall’approvazione della presente proposta di mozione la costituzione del fondo per la solidarietà alimentato con il “centesimo per l’acqua”.
Queste proposte sono state già trasformate in appositi quesiti formulati dai Verdi alla Giunta provinciale per mezzo di un’apposita interrogazione.