Logo Verdi e Democratici per l'Ulivo Roberto Bombarda

ATTIVITA'
- -
Mozioni
Interrogazioni
Ordini del Giorno
Disegni di Legge
INTERVENTI
- -
In aula
In pubblico
Sulla stampa
STAMPA
- -
Pubblicazioni
Rassegna stampa
CHI SONO
-- -
Carta d'identità 
Conosciamoci meglio
Un voto utile per te e l'ambiente
COMMUNITY
- -
Mi puoi trovare anche su facebook
-
© Roberto Bombarda
Consigliere Regionale Trentino Alto Adige/Südtirol

E-mail


giovedì, 21 marzo 2019
News e comunicati stampa


Trento, 8 febbraio 2006

UNA GIORNATA PER COMPRENDERE L'AUTONOMIA
La proposta contenuta in un apposto disegno di legge presentato da Bombarda (Verdi) e Lunelli (Margherita)


Con un disegno di legge presentato ad inizio febbraio da Roberto Bombarda (Verdi) e Giorgio Lunelli (Margherita) si intende istituire, annualmente, una Giornata dedicata all'Autonomia speciale della provincia di Trento.
L’Autonomia del Trentino presenta infatti profonde radici storiche, sociali e culturali - nonché precisi ancoraggi giuridici anche a livello internazionale - radici che possono vantare una storia millenaria e che sono state indubbiamente generate anche dalla posizione geografica della nostra terra, posta lungo uno dei principali corridoi di transito, di scambio e di incontro delle popolazioni europee.
La Giornata dell'Autonomia, nella proposta dei due consiglieri, avrebbe poco senso se si limitasse esclusivamente a celebrare la memoria di passate aspirazioni o tradizioni. Essa deve invece contribuire a comprendere e rafforzare l'identità di un popolo, far conoscere ed allo stesso tempo rendere conto di una positiva esperienza di autogoverno, far emergere obiettivi per lo sviluppo futuro. In particolare sono da coinvolgere le giovani generazioni, in primis attraverso la funzione delle istituzioni scolastiche,
anche al fine di rapportare alla situazione attuale ed alle prospettive future della società mondiale i valori, le competenze, le potenzialità dell’Autonomia che rendono assolutamente originale e “pacifica” la situazione trentina (e trentinoaltoatesina/sudtirolese) nell’ambito del contesto internazionale caratterizzato da conflitti violenti e da profondi fenomeni di omologazione e di appiattimento su modelli culturali, sociali ed istituzionali emersi in contesti completamenti diversi dal nostro.
La Giornata dell’Autonomia vuole dunque guardare più al futuro che non al passato, pur conservando grande attenzione ai fatti ed alle persone – ed alle associazioni ed alle istituzioni – che hanno costruito l’Autonomia speciale per la nostra terra. Di più: vuole diventare la tappa di un percorso di più ampio respiro, temporale e spaziale, che trova nella Giornata il suo momento di maggiore evidenza ma che svolge la sua funzione di informazione, formazione e sensibilizzazione nel corso di tutto l’anno.
L'art. 1 del disegno di legge istituisce la Giornata dell'Autonomia e definisce gli obiettivi delle manifestazioni celebrative. L'art. 2 demanda alla Giunta provinciale l'onere organizzativo delle celebrazioni, sul cui programma dovrà acquisire il parere del Presidente del Consiglio e del Presidente
del Consiglio delle autonomie. L'art. 3 demanda al regolamento di attuazione il compito di definire i contenuti organizzativi della Giornata. L'art. 4, infine, definisce i criteri per la copertura della spesa.